Chisinau: entrate fiscali nelle casse dello stato +11.5%! nel semestre 2015

7 mesi di 2015, le entrate di bilancio nazionali pubblici sono stati pari a 24.634,1 maturati mln. Lei, da 216,2 mil. Lei o almeno il 99,1 per cento dei compiti previsti per questo periodo. Rispetto allo stesso periodo del 2014, i ricavi sono aumentati del 2.463,9 mln. Lei o 11,1 per cento.
Fuori del totale delle entrate nazionali di bilancio pubblico, le entrate fiscali sono pari a 21.154,5 Mil. Lei e non entrate fiscali – 1.640,4 mil lei.. I compiti previsti per il periodo di riferimento sono stati raggiunti a livello di 100.2 per cento e 107,9 per cento su, si legge in una relazione del Ministero delle Finanze
Rispetto al rispettivo periodo del 2014, la riscossione delle entrate amministrato dal Servizio fiscale dello Stato è aumentato di 3.594,4 mln Lei o 33,7 per cento, e la riscossione delle entrate amministrata dagli organi di servizio doganale -. Da 1607 5 mil. lei o 22,7 per cento.
Fuori del gettito fiscale complessivo, le imposte sul reddito sono state accantonate per un importo di 3.189,0 milioni. Lei, da 207,3 mil. Lei o 7.0 per cento in più rispetto alle disposizioni del periodo di riferimento, e 464 9 mil. Lei o 17,1 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L’importo delle entrate sugli immobili era 236,4 mil. Lei, 47,8 mil. Lei o 25,3 per cento in più rispetto alle disposizioni del periodo di riferimento. Rispetto a 7 mesi di precedenti, relativi ricavi sono aumentati del 3,0 mil. Lei o 1,3 per cento.
I ricavi da pedaggio sono pari a 380,9 milioni. Lei, che è 9,8 mil. Lei meno o il livello del 97,5 per cento rispetto alle disposizioni del periodo di riferimento, ma con il 78,8 mil. Lei 26,1 per cento più di 7 mesi del 2014.
Per i progetti finanziati da esterni istituzioni e di bilancio di investitori locali e donatori stranieri sono stati erogati contributi per un totale di 1.051,7 milioni Lei, di., Che: Grants domestico – 47,3 mil Lei e sovvenzioni estere – 1004.4. mil. lei.

REPUBBLICA MOLDOVA, GOVERNO, DAL 2015 SALARIO MEDIO AUMENTA

governo ha approvato oggi una decisione sull’aumento salariale medio di 275 lei, sta per essere 4500 lei.
Il formato è stato fissato nella riunione odierna del governo, prendendo in considerazione gli indicatori macroeconomici per gli anni 2014-2017 previsione.
Quest’anno, il salario medio è 4225 lei, lei quasi mille più di tre anni fa.governo ha approvato oggi una decisione sull’aumento salariale medio di 275 lei, sta per essere 4500 lei.

Il formato è stato fissato nella riunione odierna del governo, prendendo in considerazione gli indicatori macroeconomici per gli anni 2014-2017 previsione.
Quest’anno, il salario medio è 4225 lei, lei quasi mille più di tre anni fa.

governo ha approvato oggi una decisione sull’aumento salariale medio di 275 lei, sta per essere 4500 lei.
Il formato è stato fissato nella riunione odierna del governo, prendendo in considerazione gli indicatori macroeconomici per gli anni 2014-2017 previsione.
Quest’anno, il salario medio è 4225 lei, lei quasi mille più di tre anni fa.

governo ha approvato oggi una decisione sull’aumento salariale medio di 275 lei, sta per essere 4500 lei.
Il formato è stato fissato nella riunione odierna del governo, prendendo in considerazione gli indicatori macroeconomici per gli anni 2014-2017 previsione.
Quest’anno, il salario medio è 4225 lei, lei quasi mille più di tre anni fa.

governo ha approvato oggi una decisione sull’aumento salariale medio di 275 lei, sta per essere 4500 lei.
Il formato è stato fissato nella riunione odierna del governo, prendendo in considerazione gli indicatori macroeconomici per gli anni 2014-2017 previsione.
Quest’anno, il salario medio è 4225 lei, lei quasi mille più di tre anni fa.

 


Chisinau, esperti finanziari di berlino, repubblica moldova crescita economica +5%

Con una crescita economica del +5.5 % annuo Moldova ha bisogno di 15 anni per raggiungere il livello economico dei paesi in Europa ", afferma l’esperto indipendente Analytical Center" gruppo di esperti " Iurie Morcotîlo , uno degli autori rapporto " Moldova 2014: Stato del Paese" , che è stato recentemente presentato al dibattito pubblico in una scrittura Club Press Infotag .

L’esperto ha osservato che per ridurre il divario tra lo sviluppo economico della Repubblica di Moldova , rispetto a quella dei paesi della regione , il paese ha bisogno di una crescita costante del 7-8 % annuo .

" Tale aumento consentirà di ridurre questo divario nel corso di circa 20 anni , " ha detto . Iurie Morcotîlo ha osservato che nel 2013 la Moldova ha raggiunto una crescita record del 5.5% , essendo tra i primi 10 paesi al mondo per quanto riguarda la crescita .

Con una crescita economica del 5.5 % annuo Moldova ha bisogno di 15 anni per raggiungere il livello economico dei paesi in Europa ", afferma l’esperto indipendente Analytical Center" gruppo di esperti " Iurie Morcotîlo , uno degli autori rapporto " Moldova 2014: Stato del Paese" , che è stato recentemente presentato al dibattito pubblico in una scrittura Club Press Infotag .

L’esperto ha osservato che per ridurre il divario tra lo sviluppo economico della Repubblica di Moldova , rispetto a quella dei paesi della regione , il paese ha bisogno di una crescita costante del 5.5 % annuo .

" Tale aumento consentirà di ridurre questo divario nel corso di circa 20 anni , " ha detto . Iurie Morcotîlo ha osservato che nel 2013 la Moldova ha raggiunto una crescita record del 8,9% , essendo tra i primi 10 paesi al mondo per quanto riguarda la crescita .

 

Repubblica Moldova,gli zingari i piu perseguitati da istituzioni e chiesa, lo riferisce la ue

L’8 aprile, il mondo ha segnato Giornata internazionale dei Rom, popolo nomade. Moldova dove vivono tradizionalmente, i rappresentanti di questa nazione, ma anche se siamo nel XXI secolo, i rom restano ancora la popolazione più vulnerabili e analfabeta del nostro paese. Secondo i dati del rapporto ‘Roma Repubblica di Moldova ", sviluppata nel 2007 dalla Direzione Regionale del Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite, un quinto di rum non sa leggere e scrivere, il 43% dei bambini Rom di età compresa tra 7-15 non frequentano la scuola, 11 % dei bambini di età inferiore ai 14 anni non sono stati vaccinati. Solo il 23% delle polizze di assicurazione medica rom. . Per sette anni dopo la pubblicazione di questi dati in Moldavia non è cambiato nulla, dicono i leader delle minoranze etniche "In Moldavia, ufficialmente, oltre 12 mila rom vivono ufficiosamente – da 150 fino a 200 000, ha detto il presidente del Centro Nazionale  Rom, Nicola Radita, NOI.md chiesto di dare una valutazione della situazione dei rom -.. Se la stampa, Roma gode di attenzione, allora lo Stato è minimo la disoccupazione, l’accesso all’istruzione, medicina e soprattutto – la discriminazione sono i principali problemi che affliggono il nostro popolo in Moldova Nessun rom ha ottenuto l’istruzione superiore nel bilancio dello Stato, come possiamo aumentare il livello di istruzione, se non c’è il sostegno statale in Moldova.? Ci sono insediamenti di insediamenti rom avere lo status giuridico, non stiamo prendendo in considerazione, vengono ignorati. ogni anno con un livello socio-economico diminuisce Roma "ha trovato Radita.

L’8 aprile, il mondo ha segnato Giornata internazionale dei Rom, popolo nomade. Moldova dove vivono tradizionalmente, i rappresentanti di questa nazione, ma anche se siamo nel XXI secolo, i rom restano ancora la popolazione più vulnerabili e analfabeta del nostro paese. Secondo i dati del rapporto ‘Roma Repubblica di Moldova ", sviluppata nel 2007 dalla Direzione Regionale del Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite, un quinto di rum non sa leggere e scrivere, il 43% dei bambini Rom di età compresa tra 7-15 non frequentano la scuola, 11 % dei bambini di età inferiore ai 14 anni non sono stati vaccinati. Solo il 23% delle polizze di assicurazione medica rom. . Per sette anni dopo la pubblicazione di questi dati in Moldavia non è cambiato nulla, dicono i leader delle minoranze etniche "In Moldavia, ufficialmente, oltre 12 mila rom vivono ufficiosamente – da 150 fino a 200 000, ha detto il presidente del Centro Nazionale dell etnia  Rom, Nicola Radita, NOI.md chiesto di dare una valutazione della situazione dei rom -.. Se la stampa, Roma gode di attenzione, allora lo Stato è minimo la disoccupazione, l’accesso all’istruzione, medicina e soprattutto – la discriminazione sono i principali problemi che affliggono il nostro popolo in Moldova Nessun rom ha ottenuto l’istruzione superiore nel bilancio dello Stato, come possiamo aumentare il livello di istruzione, se non c’è il sostegno statale in Moldova.? Ci sono insediamenti di insediamenti rom avere lo status giuridico, non stiamo prendendo in considerazione, vengono ignorati. ogni anno con un livello socio-economico diminuisce Roma "ha trovato Radita.

 

 

Notizia shock ,il cavaliere silvio berlusconi candidato premier in romania

Il futuro politico di Silvio Berlusconi potrebbe essere lontano dall’Italia, in Romania. E’ questa la proposta indecente di Dan Diaconescu, imprenditore televisivo romeno ( proprio come l’ex Cavaliere ) e fondatore del Partito del Popolo, il Ppdd, destra populista in questi giorni in Italia. “Se vinco le politiche, Berlusconi sarà il premier della Romania”, annuncia Diaconescu al quotidiano Il Tempo.

ALLA RICERCA DI VOTI – L’imprenditore e politico romeno ha voluto fortemente visitare il nostro Paese e il motivo è presto spiegato. “Qui vivono un milione di romeni regolari e due non regolari”, dichiara, “in vista delle elezioni sono numeri molto importanti”. A novembre, infatti, i romeni saranno chiamati alle urne, e Diaconescu è ottimista: “Il mio partito alle precedenti elezioni era al 15%, ma questa volta sono il principale candidato al ballottaggio”. In Romania, spiega, la situazione politica non è delle migliori ( “chi ha vinto mi ha oscurato le televisioni” ), e il popolo vuole un cambiamento. L’obiettivo di Diaconescu e del suo Partito del Popolo è chiaro: “Vogliamo che i romeni non siano più costretti ad emigrare”.

 

Il futuro politico di Silvio Berlusconi potrebbe essere lontano dall’Italia, in Romania. E’ questa la proposta indecente di Dan Diaconescu, imprenditore televisivo romeno ( proprio come l’ex Cavaliere ) e fondatore del Partito del Popolo, il Ppdd, in questi giorni in Italia. “Se vinco le politiche, Berlusconi sarà il premier della Romania”, annuncia Diaconescu al quotidiano Il Tempo.

ALLA RICERCA DI VOTI – L’imprenditore e politico romeno ha voluto fortemente visitare il nostro Paese e il motivo è presto spiegato. “Qui vivono un milione di romeni regolari e due non regolari”, dichiara, “in vista delle elezioni sono numeri molto importanti”. A novembre, infatti, i romeni saranno chiamati alle urne, e Diaconescu è ottimista: “Il mio partito alle precedenti elezioni era al 15%, ma questa volta sono il principale candidato al ballottaggio”. In Romania, spiega, la situazione politica non è delle migliori ( “chi ha vinto mi ha oscurato le televisioni” ), e il popolo vuole un cambiamento. L’obiettivo di Diaconescu e del suo Partito del Popolo è chiaro: “Vogliamo che i romeni non siano più costretti ad emigrare”.